Appalti pubblici, le piccole imprese utilizzano poco i portali online della Pubblica amministrazione

190

CNA-SHV attiva un servizio per consentire anche alle PMI di partecipare alle gare “Indispensabile la suddivisione degli appalti in piccoli lotti specialistici e funzionali”

Le micro, piccole e medie imprese altoatesine stanno sfruttando ancora troppo poco le opportunità offerte dai portali online degli appalti della Pubblica amministrazione, come “Bandialtoadige” che consente di partecipare alle gare di tutte le stazioni appaltanti della provincia di Bolzano, e come il Mepa, il Mercato elettronico della Pubblica amministrazione che pubblica le gare d’appalto di tutte le amministrazioni statali in Alto Adige e Trentino e di tutte le pubbliche amministrazioni del resto d’Italia. “Fondamentale – ha rilevato Marco Scrinzi, responsabile del Servizio Appalti della CNA-SHV – è che almeno la Pubblica amministrazione altoatesina predisponga appalti suddivisi in lotti funzionali e specialistici, accessibili alle piccole imprese locali. Opportunità consentita dalla legge ma spesso non utilizzata”.

È quanto emerso dalla serata informativa organizzata dalla CNA-SHV e dedicata agli appalti pubblici, che si è svolta ieri sera (22 novembre 2018) nella sede di via Righi a Bolzano.

“C’è un potenziale enorme non sfruttato dalle micro, piccole e medie imprese locali – ha spiegato Marco Scrinzi – perché i portali Bandialtoadige e Mepa pubblicano molte gare sotto la soglia comunitaria e quindi assolutamente alla portata delle imprese più piccole. Si tratta di lavori, ma anche di servizi e forniture. Il perché di questo scarso interesse è presto detto: un po’ incide la tendenza delle piccole imprese a partecipare solo agli appalti a km zero, del Comune o dell’ente comprensoriale sotto casa, del quale si conoscono l’attendibilità e i tempi di pagamento. Va detto che, effettivamente, le Amministrazioni statali pagano spesso con molto ritardo. Altro problema è l’accessibilità dei portali e la partecipazione alle gare. Se Bandialtoadige si presenta semplice e facilmente accessibile, consentendo così si partecipare agli appalti di tutte le stazioni appaltanti altoatesine, dalla Provincia ai Comuni, dall’Asl all’Ipes, dalle Comunità comprensoriali alle scuole, non altrettanto semplice è la partecipazione al Mepa”.

Ecco perché CNA-SHV ha attivato il Servizio appalti che assiste le imprese prima di tutto nell’iscrizione ai portali con la dovuta documentazione, successivamente nella presentazione delle offerte relative alle gare d’appalto individuate. “Il monitoraggio costante delle gare pubblicate – prosegue Scrinzi – rimane in capo alle aziende. Ma siamo sempre a disposizione, quando un’azienda decide di presentare un’offerta, per espletare tutta la procedura. Stiamo sensibilizzando le piccole imprese ad uscire dai confini ristretti del mercato territoriale, sfruttando i portali degli appalti per cercare di ottenere incarichi in tutto l’Alto Adige e nel resto d’Italia. Una chance per consolidare le aziende e per farle crescere dimensionalmente, acquisendo nuove capacità, sfruttando l’opportunità di entrare negli appositi elenchi della Pubblica amministrazione, cercando di ottenere una valutazione di affidabilità e competenza”.

A margine della relazione sugli appalti, il funzionario Scrinzi ha illustrato ai presenti anche le opportunità di organizzare corsi di formazione continua personalizzati per migliorare le competenze dei dipendenti, attingendo al plafond di Fondartigianato. Già adesso, le aziende versano lo 0,30% del monte salari al fondo nazionale per la formazione continua, che poi ripartisce le somme su base regionale, nel nostro caso Provincia autonoma. CNA-SHV ha attivato un servizio per le micro, piccole e medie imprese in grado di realizzare progetti formativi finanziati quasi integralmente da Fondartigianato, con l’obiettivo di migliorare la professionalità e la competitività dei lavoratori e, di conseguenze, delle stesse imprese, acquisendo sempre più conoscenze, non solo manuali, ma anche quelle legate alla digitalizzazione e all’innovazione di processo e di prodotto.