Catanzaro, con il Piano strutturale al via percorso di sviluppo urbanistico

165

“Sta per iniziare un processo fondamentale per lo sviluppo urbanistico del Capoluogo”. Lo hanno affermato il sindaco Sergio Abramo e l’assessore all’urbanistica, Modestina Migliaccio Santacroce, dopo la sottoscrizione da parte dello studio Dinale del contratto per la redazione del Piano strutturale comunale ai sensi della Legge Regionale Calabria n. 19/2002 e s.m.i. e del relativo regolamento edilizio urbanistico. Con l’incarico assunto dall’importante studio lombardo, che nel campo ha acquisito una lunga esperienza e potrà trasferire sul nostro territorio le sue competenze e il proprio know-how, Catanzaro avrà finalmente uno strumento di controllo e gestione urbanistica utile a pianificare il corretto uso del territorio.
Lo studio Dinale è stato l’unico a partecipare alla gara bandita dal Comune, preceduto da un incontro preliminare avvenuto nel mese di marzo alla presenza del sindaco Abramo e dell’assessore Migliaccio Santacroce, affiancati dal dirigente di settore, Giuseppe Lonetti, dal responsabile unico del procedimento Giuseppe Fregola, i quali hanno avuto modo di scambiare alcuni pareri sui punti principali da affrontare nella redazione del Psc.
“La novità più innovativa – commentano Abramo e Migliaccio Santacroce – è la possibilità di procedere, previo incarico a titolo gratuito, con il solo rimborso delle spese vive preventivamente concordate. Il tutto a garanzia per l’Amministrazione comunale non solo della certezza dell’altissima professionalità dello studio incaricato, ma altresì di un risparmio notevole sulla spesa pubblica. Ciò è stato, peraltro, confermato dalla sentenza del Consiglio di Stato, nonché dalla Cassazione Civile n. 14293/2018 che ha di fatto confermato la propria consolidata e ultraventennale giurisprudenza, fornendo al tempo stesso validi argomenti a sostegno della statuizione relativa all’incarico gratuito per la redazione del Psc. E’ un traguardo che la città Capoluogo di regione stava aspettando da lungo tempo”.