Design 4.0, imprese CNA a confronto con università, centri di ricerca e professionisti

107

Mercoledì 11 aprile alla Polveriera focus su digitalizzazione e nuove esperienze d’uso.Le imprese potranno presentare i propri prodotti ai relatori
Reggio Emilia, 9 aprile 2018. Le tecnologie, soprattutto quelle di nuova generazione, sono sempre state viste con grande timore, come se potessero minacciare la tradizione artigianale italiana. La digitalizzazione di prodotti e processi produttivi pone, invece, le aziende di fronte a nuovi stimoli di fare business e ad un cambio di mentalità, con implicazioni importanti sulla produzione, sui modelli di business, sull’innovazione di processi e prodotti. Per accompagnare le imprese in questo percorso CNA Reggio Emilia sta promuovendo un ciclo di incontri, nell’ambito del progetto Regionale “Il futuro a quattro passi: le imprese artigiane verso Industria 4.0” (di cui all’Art.13 della Legge Regionale 9/2/2010).
Il prossimo appuntamento riguarda l’intreccio tra arredo, design e complementi di arredo e impatto delle tecnologie 4.0 sulle imprese: si parlerà di design, digitalizzazione e nuove esperienze d’uso mercoledì 11 aprile dalle 18 presso la Polveriera di via Terrachini con Università, Designers di fama internazionale e Centri di ricerca.
Dopo i saluti introduttivi di Fabrizio Barbieri, presidente CNA Artistico e Tradizionale, Gianluca Berghella del CRIT, Centro specializzato nello sviluppo di attività di ricerca, farà un intervento sull’additive manufacturing per concepire nuovi prodotti, creare nuovi oggetti con nuovi materiali e strumenti di progettazione, utilizzando alcuni esempi.
Il Designer Denis Santachiara tratterà il tema della cultura digitale nella piccola e media impresa, il rapporto tra progetto/terzista artigianato e brand e il tema delle piattaforme comuni per la manifattura digitale, mentre il Professor Flaviano Celaschi, Prof. in Design all’Università di Bologna e Presidente Cluster Industrie culturali e creative, approfondirà le relazioni tra Università ed impresa per favorire progetti di design ed incentivare le relazioni tra CNA e Università, anche a seguito del rinnovo della convenzione con Alma Mater.
Coordina l’incontro Elena Vai, giornalista esperta in Design della comunicazione. I relatori al termine dell’incontro saranno a disposizione delle imprese che desiderano presentare il proprio prodotto.
“La sfida che dobbiamo affrontare nel futuro implica mettere in discussione la visione di un artigianato solo ancorato alla tradizione, lo sviluppo di una grande curiosità e la capacità di fondere questi due elementi con i saperi dell’eccellenza artigianale italiana. Negli ultimi anni – spiega Fabrizio Barbieri – il settore dell’artigianato artistico e tradizionale ha sviluppato sempre più la necessità di creare nuove sinergie tra capacità manuali, conoscenze tradizionali e strumenti innovativi, che possano essere di supporto nello sviluppo della nostra creatività. A questo si aggiunge la necessità di sviluppare una cultura digitale per promuoverci, ed entrare in contatto con architetti e designers con cui collaborare per mettere a frutto le nostre abilità nella personalizzazione del prodotto”.
“Le parole chiave di questo sviluppo – aggiunge Maurizio Bartoli, Portavoce Provinciale Legno e arredo, a cui sono affidate le conclusioni dell’iniziativa – sono proprio personalizzazione, visibilità, per promuovere il proprio prodotto in un mercato globale attraverso piattaforme virtuali e nuovi strumenti web, e servizio al cliente, garantendo a quest’ultimo una relazione di tipo esperienziale ma anche rimanendo aggiornati su come l’innovazione possa modificare materiali, processi, capacità di promuoversi in un mercato in forte cambiamento”.