Energia e impianti termici, Bologna “centrale di committenza” per la Pa

50

La Città metropolitana di Bologna, in qualità di soggetto aggregatore iscritto nell’elenco ANAC, e cioè come centrale di committenza qualificata per l’acquisizione aggregata di beni e servizi per conto della pubblica amministrazione, ha bandito una gara europea a procedura aperta per l’affidamento del servizio energia (erogazione dei beni e servizi necessari a mantenere le condizioni di comfort degli edifici nel rispetto delle vigenti leggi in materia di uso razionale dell’energia, di sicurezza e di salvaguardia dell’ambiente, provvedendo nel contempo al miglioramento del processo di trasformazione e di utilizzo dell’energia) e del servizio gestione e manutenzione degli impianti termici invernali ed estivi (solo per gli edifici scolastici e sedi istituzionali), di valore complessivo netto stimato e presunto di 55.000.000 di euro.
Il valore è frutto di una stima relativa al presumibile fabbisogno delle amministrazioni/enti che aderiranno alla convenzione nel triennio della sua durata. Pertanto, non è in alcun modo impegnativa e vincolante per le stesse e per il soggetto aggregatore: si tratta di importi presunti che non attribuiscono all’aggiudicatario il diritto ad alcun corrispettivo minimo o ad alcuna indennità, restando conseguentemente a suo carico il rischio per la stipulazione o meno dei successivi contratti con Amministrazioni/Enti contraenti.
Previa adesione alla convenzione che la Città metropolitana stipulerà con l’aggiudicatario secondo le condizioni riportate nello schema pubblicato tra i documenti di gara, infatti, le amministrazioni/enti aventi sede nel territorio regionale (Comuni, Unioni di Comuni, Province, Società a totale partecipazione pubblica, Camere di commercio, Enti parastatali), fatta eccezione per quelli sanitari, potranno affidare il servizio all’operatore economico aggiudicatario, cui corrisponderanno direttamente il relativo corrispettivo che trova finanziamento nelle risorse a disposizione degli enti affidatari.
Con questo bando la Città metropolitana prosegue nel cammino intrapreso a fine 2017, in attuazione anche delle funzioni assegnatele per legge e per statuto, mettendo a disposizione degli enti e dei soggetti pubblici del territorio regionale uno strumento non solo di semplificazione delle procedure, alleggerendo così gli enti aderenti alla convenzione degli oneri di una gara, ma anche di aggregazione e, quindi, di risparmio di spesa.
Il termine di scadenza per la presentazione delle offerte è il 1° giugno 2018 entro le ore 12.
La prima seduta pubblica di gara è prevista il 4 giugno 2018 alle 9.
La documentazione di gara è disponibile in formato elettronico sul portale della Città metropolitana sezione bandi di gara e presso l’U.O. Segreteria Generale e Appalti, e-mail: segreteria.generale@cittametropolitana.bo.it, tel. 051/6598319, cui è possibile rivolgersi anche per informazioni di carattere tecnico e amministrativo sulla procedura.