Genova, niente obbligo del Durc per le imprese colpite dal crollo

74

L’assessore regionale Benveduti: “Misura di semplificazione necessaria per snellire le pratiche delle attività danneggiate”

GENOVA. Approvato dalla giunta regionale, su proposta dell’assessore allo Sviluppo economico Andrea Benveduti, il ddl per la semplificazione e la facilitazione dell’accesso alle agevolazioni economiche destinate alle imprese liguri colpite dal crollo del Ponte Morandi. “Il disegno di legge – spiega l’assessore Benveduti – ha come obiettivo lo snellimento delle pratiche da parte delle attività economiche che abbiano subito danni, diretti e indiretti, dal crollo del viadotto. In particolare, vista l’urgenza di intervenire il più velocemente possibile per risollevare il tessuto economico- produttivo locale, abbiamo ritenuto efficace rendere non obbligatoria la presentazione del Durc, la dichiarazione sostitutiva di certificazione, per accedere ad agevolazioni economiche finanziate da fondi regionali. Inoltre, ho già provveduto a inviare ai ministeri competenti, Mef e Mise, subito dopo la tragedia, la richiesta di sospensione degli obblighi contributivi a carico delle aziende e della corresponsione degli oneri fiscali, almeno per tutta la durata dello stato di emergenza”.