Maltempo, Filca-Cisl: “Subito una task force per mettere in sicurezza il Paese”

21

“Bisogna istituire una task force strutturata, permanente, snella, bipartisan, che affronti in modo definitivo la più grande priorità per il Paese: la messa in sicurezza del territorio”. A chiederlo è il segretario generale della Filca-Cisl, Franco Turri, che aggiunge: “La politica faccia un passo indietro. Davanti alle vittime ed alle profonde ferite del territorio ognuno lasci da parte ideologie e appartenenza a schieramenti e si prodighi per mettere in piedi una struttura che realizzi quella che è considerata la grande opera più urgente ed importante per l’Italia. Ogni volta si piangono vittime e si assicura che è l’ultima volta che si assiste a scene apocalittiche. Purtroppo non è mai così, e la tragedia di Casteldaccia è solo l’ultima di una lunga serie di disastri, costati la vita a centinaia di persone. Dal 2010 al 2016 – ricorda Turri – ci sono state circa 250 vittime per maltempo e danni per oltre 8 miliardi. Oltre alla perdita di vite umane, infatti, bisogna fare i conti con gli immani sforzi economici per ripristinare il territorio. È un circolo vizioso che va interrotto: si stanzino una volta per tutte risorse sufficienti per curare l’Italia. Tutte le forze politiche si attivino per istituire una task force ‘trasversale’, e quindi resistente a qualunque governo, che con l’apporto delle più alte professionalità in materia possa progettare e realizzare la più grande operazione di messa in sicurezza del territorio nazionale. Non sarà semplice e ci vorranno anni, ma trasformare l’Italia in un grande cantiere permetterà di costruire una nazione più moderna e più sicura, senza rischi per i cittadini”, ha concluso il segretario generale della Filca.