Marche, 8 milioni per la riduzione del rischio idrogeologico

115

La Giunta regionale delle Marche, su proposta dell’assessore all’Ambiente Angelo Sciapichetti, ha assegnato 8 milioni di risorse del POR-FESR 2014-2020 Marche per interventi di riduzione del rischio idrogeologico da effettuare nelle aree colpite dal sisma.
Le risorse sono destinate alla manutenzione straordinaria del reticolo idraulico, delle reti di scolo e la laminazione delle piene dei torrenti Tesino, Vibrata e Marino e i fiumi Aso e Tronto ricadenti sul territorio di Ascoli Piceno, dei fiumi Tenna e Aso su Fermo e dei fiumi Potenza e Chienti sul territorio di Macerata.
“Sono interventi da attuare prioritariamente nell’area del cratere – dichiara l’assessore Sciapichetti – promuovendo soluzioni che consentano di ridurre la pericolosità connessa al rischio idrogeologico per la popolazione migliorando la qualità ambientale e lo stato di conservazione del territorio provvedendo alla manutenzione delle aste fluviali. Si tratta di interventi strategici per promuovere l’adattamento ai cambiamenti climatici, prevenire e gestire i rischi”.