Marche, al via lavori di costruzione di un nuovo polo scolastico a Macerata: investimento da 7 mln

149

“Grazie alla fondazione Quatar per quella che è la più grande donazione ricevuta dalle Marche a seguito del sisma”: così il presidente della Regione, Luca Ceriscioli, alla cerimonia di avvio del cantiere per la costruzione del nuovo polo scolastico E. Mestica di Macerata che ospiterà gli alunni della scuola dell’obbligo e materna.
L’investimento complessivo previsto è di circa 7 milioni di euro, di questi 5,6 milioni sono stati donati dal Qatar Fund for Development mentre il resto, circa 1,4 milioni, sono a carico dello Stato. Il presidente Ceriscioli, che ha preso parte all’evento insieme al sottosegretario al Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca, Salvatore Giuliano, il commissario straordinario per la ricostruzione, Paola De Micheli, il direttore generale del Qatar Fund for Development, Khalifa Bin Jassim Al-Kuwari, l’ambasciatore del Qatar in Italia, Abdulaziz Bin Ahmed Al Malki e il sindaco di Macerata, Romano Carancini, ha sottolineato con forza l’importanza della scuola per la ricostruzione, e, quindi, del mantenimento degli organici.
“Per raccontare le Marche – ha detto il presidente – un luogo migliore di questo non poteva esserci. Il valore delle Marche è la bellezza, presente su tutto territorio. Paesaggi straordinari, un popolo che fa della serietà, dell’impegno, la propria dimensione. La parte più colpita dal terremoto è custode di questa bellezza, riunita in piccole comunità. È quello che permette a piccole comunità di esistere è la scuola. Ricostruire le scuole significa mantenere la comunità e preservare la bellezza del nostro territorio. Il vostro dono è nel cuore della ricostruzione, per quello vi ringraziamo. È importante che vengano mantenuti gli organici in queste scuole, anche quando i bambini non ci sono perché sfollati. Questi infatti torneranno proprio grazie a questa scuola”.
Il nuovo polo scolastico si estende su una superficie complessiva di 4mila metri quadrati.
Verranno realizzate 19 aule (12 per la media, 5 per l’elementare e 2 per la materna), 5 laboratori (4 per le media e 1 per l’elementare), una sala polifunzionale, una palestra di tipo A1 (di circa 431 mq, alta 7,3 metri). Complessivamente saranno 455 gli alunni che frequenteranno la struttura scolastica (300 della media, 125 dell’elementare, 30 della materna).
Il complesso è realizzato in legno, su due piani, in classe d’uso IV° e potrà essere utilizzato come edificio strategico ai fini di protezione civile in caso di calamità naturale, nel rispetto della normativa ambientale, con una altissima efficienza energetica e abbattimento barriere architettoniche. Sarà dotato di un parcheggio di servizio di oltre 5mila mq e altri 8mila mq sono destinati a verde attrezzato.