Strade, con la Perugia-Ancona Anas scommette sul rilancio delle aree interne

101

Il presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli è intervenuto ad Assisi al convegno sul Piano di valorizzazione turistico culturale dell’itinerario Umbria e Marche, svoltosi al teatro Lyrick e dove è stata ribattezzata “Strada di San Francesco” la Perugia-Ancona.
“Mi complimento – ha sottolineato Ceriscioli – per aver scelto di dedicare a San Francesco la strada che unisce Ancona e Perugia. Questo progetto mette in chiaro una collaborazione nata da tempo perché sono tante le cose in comune tra Marche e Umbria. Dare il nome del Santo a questo percorso significa comunicare al territorio, in una forma coinvolgente, la presenza del francescano che ha lasciato tra queste colline tante testimonianze. Sono 17 i luoghi già individuati nelle Marche e che saranno tappa di questo percorso che non è solo spirituale. Questa operazione, che fa parte di una strategia di rilancio delle aree interne, avviene grazie ad Anas che complessivamente nelle Marche ha competenza su 1200 chilometri di strade e mette a disposizione 22mila euro per ogni km per interventi ordinari e straordinari. Questo è un fatto importante e lo raccontano anche i sindaci dei comuni delle aree montane perché se si offrono strade sicure i turisti torneranno offrendo possibilità di crescita e sviluppo”.